Siria, Terzi: Mosca ci ripensi o vincera’ al-Qaeda

13 ago. – “L’unica via d’uscita credibile dalla crisi siriana e’ un governo di intesa nazionale”. E questo e’ nell’interesse anche della Russia, perche’ “se il conflitto proseguira’, il regime di Assad ne uscira’ comunque sconfitto e sulle macerie ci saranno soltanto Al Qaeda e il radicalismo“.
Cioe’ l’opposto di quel che Mosca vuole.

Lo afferma il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, in un’intervista rilanciata dai quotidiani della Poligrafici Editoriale.

La Russia da’ una lettura critica di tutto quello che e’ il fenomeno delle primavere arabe, perche’ ritiene che sia un terreno di emersione di forze estremiste dell’Islam politico.

Nel riquadro riportiamo alcuni degli episodi che potrebbero aver convinto la Russia a temere un’ emersione di forze estremiste islamiche.

[box]

Egitto: a processo due giornalisti per aver offeso Morsi

Il Cairo chiede a Usa liberazione di egiziano militante al-Qaeda rinchiuso a Guantanamo

Primavera islamica Egitto: ufficialmente il potere ai Fratelli musulmani

Egitto, Sinai: addestramento per 1.500 jihadisti

Egitto, vescovo copto: attacchi contro cristiani in aumento

Egitto, aumentano le molestie per donne e ragazze non velate

Primavera islamica Egitto, salafiti: il velo integrale in TV è “peccato”, modelli “atei occidentali”

Egitto: musulmani bruciano case dei cristiani per una camicia rovinata

Egitto, effetti collaterali della primavera araba: giornalista velata a tv di Stato

Tunisia, lacrimogeni su folla che chiede dimissioni del governo filo-salmista

Tunisia: rotto in anticipo digiuno Ramadan, rissa con lacrimogeni in moschea

UE regala 12 milioni di euro alla Tunisia che abolisce uguaglianza tra i sessi

Italiano ucciso in Tunisia, forse perché omosessuale

Primavera islamica Tunisia: comitati di difesa per blogger condannati su vignette Maometto

Primavera islamica, Ramadan : Tunisair vieta l’alcol su voli di linea

Primavera islamica Tunisia, Ramadan: polizia chiude ristoranti, stranieri costretti a uscire

Tunisia: negli asili salafiti bimbe velate, niente giocattoli, né musica, né danza e promiscuità

Tunisia: NO a libertà di stampa, commissione per i media si dimette

Islam, Tunisia: grave ragazza aggredita da salafiti perché non portava velo

Tunisia, al-Zawahiri: Ennahda viola Corano accettando Costituzione laica

Primavera araba Tunisia, Gannouchi: abolire la pena morte è contro la sharia

Primavera araba Tunisia: attore aggredito da salafiti con accusa di essere ”miscredente”

Tunisia: autorizzato dal governo partito salafita che vuole la sharia

[/box]

E visto quanto successo nel Caucaso – spiega Terzi – la preoccupazione e’ anche comprensibile. Ma alla Russia io vorrei dire che, al punto in cui sono arrivate le cose, c’e’ veramente il rischio che il dopo Assad sia peggiore di quello che potrebbe essere se il conflitto si arrestasse adesso. Se il regime finira’ per crollare per effetto di una guerra civile, sulla macerie ci saranno soltanto Al Qaeda e i suoi alleati”.

Guardando agli ultimi sviluppi sul campo, Terzi ribadisce il suo punto di vista: “Credo che se anche, come e’ probabile, il regime siriano uscira’ vincitore sul piano militare ad Aleppo, ne uscira’ perdente sul piano politico. E non a caso la disgregazione del regime si e’ accelerata. Certo, e’ difficile dire fino a quando Assad riuscira’ a mantenersi in sella“.

Quanto al sempre piu’ esplicito appoggio dell’Iran al regime di Damasco, il ministro degli Esteri lo vede come una dimostrazione dell’isolamento di Assad: “Sappiamo da sempre che esiste un asse tra Iran e Siria. Recentemente e’ diventato molto piu’ esplicito. Ma questa e’ la dimostrazione che la Siria si sente isolata, si sente debole, si sente politicamente nell’angolo”.

In questa situazione, aggiunge Terzi, la comunita’ internazionale “E’ focalizzata sulla nomina di un successore di Kofi Annan. Ci aspettiamo che il suo mandato sia piu’ solido: il nuovo inviato speciale dovra’ essere in grado di parlare con le componenti dell’opposizione e con il regime, convincendolo che l’unica via d’uscita credibile, anche per gli alawiti, e’ arrivare a un governo di intesa nazionale, che garantisca il futuro della Siria e non la faccia cadere nel baratro della disgregazione”.

Quanto al sostegno all’oppozione siriana e al suo esercito, il ministro afferma che “La no fly zone puo’ essere una carta necessaria per evitare questo massacro spaventoso. In concreto la considero pero’ un’ipotesi remota.

Nel riquadro alcuni esempi dei massacri

[box] Siria: i ribelli uccidono il cameraman rapito

Siria, Ribelli gettano cadaveri da un tetto (video)

Siria: terroristi uccidono il regista Bassam Hussein

Siria: ribelli uccidono alauiti e cristiani

Siria, stampa turca: ribelli applicano turture ed esecuzioni sommarie

Siria: ‘giustiziato’ dai ribelli il presentatore tv pro-regime rapito a luglio

Siria: ribelli massacrano lealisti al grido: Allah è il piu’ grande

Ad Aleppo massacri compiuti da mercenari, assoldati da terroristi islamici radicali

Siria: crudo reportage, prigionieri torturati dai ribelli

Siria: gruppo jihadista rivendica attacchi contro forze di regime

Siria: milizie anche con bandiere Al Qaida entrano in quartieri cristiani, scudi umani

Siria: Fides, a Damasco i ribelli islamisti uccidono i cristiani

Siria, strage di Tremsa: responsabili sono 2 appartenenti a gruppo armato

Fra i ribelli siriani bambini di 13 anni armati di kalashnikov

[/box]

Gli inglesi confermano l’intenzione di molti alleati di fornire aiuti non letali alla resistenza, ma siamo ancora ben lontani dalla fornitura di mezzi militari e ancor piu’ dall’invio di truppe, che nessuno pensa in alcun modo di poter dispiegare senza un quadro giuridico che sappiamo non essere nell’ordine delle cose”. La vera urgenza, per Terzi, e’ la popolazione siriana: “E’ questa la vera urgenza: accrescere esponenzialmente gli aiuti umanitari dentro e fuori la Siria.

Bisogna fare di piu’. Ne ho parlato con il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius in vista della riunione del Consiglio di sicurezza di fine mese e ci muoveremo a Bruxelles anche con i francesi per sollecitare la Ue in tal senso”. (AGI) .



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -