Tunisia, lacrimogeni su folla che chiede dimissioni del governo filo-salmista

10 agosto – Sidi Bouzid – Nuovi disordini sono scoppiati a tarda sera a Sidi Bouzid, nella Tunisia centrale, dove almeno ottocento manifestanti, in massima parte studenti e operai, sono tornati in piazza per reclamare le dimissioni del governo filo-salmista al grido di “Il popolo vuole che il regime cada!” e “Basta ipocrisia!”.

I tumulti sono ben presto degenerati in scontri di piazza con le forze dell’ordine, che per disperdere la folla hanno fatto ricorso ai lacrimogeni e ai proiettili rivestiti in gomma: uno di questi ha colpito in pieno un manifestante che e’ stato poi ricoverato in ospedale, al pari di altre quattro persone intossicate dai gas. Almeno due gli arresti per turbativa dell’ordine pubblico . agi

Primavera islamica, Tunisia: abolita l’uguaglianza tra i sessi

Italiano ucciso in Tunisia, forse perché omosessuale

UE regala 12 milioni di euro alla Tunisia che abolisce uguaglianza tra i sessi

Tunisi, Napolitano dona Costituzione italiana a Ben Jaafar



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -