Congo: l’esercito sta lottando contro i ribelli del gruppo M23

7 ago. (LaPresse/AP) – Catastrofe umanitaria nell’est del Congo. Questo l’allarme lanciato dall’organizzazione umnanitaria Oxfam, secondo cui centinaia di persone vengono uccise e stuprate mentre l’esercito sta lottando contro i ribelli del gruppo M23. “Abbiamo raggiunto un nuovo livello nel conflitto in corso in Congo e i massacri passano praticamente inosservati”, ha commentato Elodie Martel, responsabile del gruppo per il Paese africano.

Circa 250mila persone hanno dovuto lasciare le loro case a causa delle violenze. Soldati disertori hanno creato ad aprile scorso il gruppo M23 e ora controllano vaste zone nell’est del Congo, ricco in minerali. Mentre l’esercito è impegnato nella lotta contro i ribelli, sono emerse nuove milizie che approfittano del vuoto di sicurezza.

Congo: Caschi blu ONU attaccano ribelli con elicotteri

Secondo quanto riferito da Martin Nesirky, i miliziani “stanno ricevendo appoggio dall’esterno, e risultano bene addestrati, armati ed equipaggiati”.

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -