Ministro Riccardi: voto anticipato sarebbe interpretato come instabilita’ italiana

6 ago – Evitiamo il voto anticipato. E’ la posizione espressa dal ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione, Andrea Riccardi, intervistato dal quotidiano ”La Repubblica”. Io, spiega, ”non anticiperei con tutta questa facilita’ la fine della legislatura. Non sono preoccupato, percepisco pero’ che nel mondo, in Europa, si possano vedere le elezioni anticipate come un fatto tipico di instabilita’ italiana.

Perche’ nel mondo ci chiedono oggi: cosa succedera’ in Italia nel 2013?. Capisco possa esserci una reazione orgogliosa del tipo ‘questo e’ affare della nostra democrazia e le vostre possono essere intromissioni di stranieri’ ma l’esercizio pieno della nostra democrazia si coniuga anche con la credibilita’ internazionale del nostro Paese”.

Ci vorrebbe un Monti-bis?. ”Non voglio entrare nelle prerogative del Capo dello Stato e nelle decisioni del prossimo Parlamento. Monti – conclude Riccardi – ha confermato che non si candidera’. Ma credo che la sua azione di governo restera’ un riferimento imprescindibile per chi sara’ scelto dopo di lui”.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -