Siria, Assad: il Paese è sotto estrema pressione internazionale, è guerra aperta

27 giu – La Siria non ci sta e passa al contrattacco, considerandosi ormai in uno stato di guerra aperta. Accusata dell’Onu di crimini contro l’umanità per la repressione contro i ribelli antigovernativi, ora si trova alle prese con la gravissima crisi innescata dall’abbattimento di un caccia turco venerdì scorso, apparentemente sconfinato nello spazio aereo di Damasco.

Il premier turco Erdogan ha definito ostile l’attacco della contraerea siriana preannunciando l’impiego di nuove regole d’ingaggio da parte dell’esercito turco schierato sulla frontiera siriana.

Di fronte all’attacco, il presidente siriano Bashar al Assad è passato al contrattacco alzando la posta e la tensione per chiamare a raccolta la nazione. Intervenendo alla televisione di stato, nel corso del giuramento del nuovo governo, Assad ha dichiarato che il Paese è sottoposto a un’estrema pressione internazionale.”Siamo ormai in uno stato di guerra aperta, con tutto ciò che questo significa. E in uno stato di guerra la nostra politica deve concentrarsi sull’obiettivo di vincere questa guerra.

Appello del Governo siriano: qui Al Qaida e salafiti in azione, l’Italia ci aiuti

La drammatica presa di posizione della Siria sembra disegnata per evitare gli spettri di uno scenario simile al recente intervento internazionale contro la Libia, dopo che la Turchia ha chiesto il supporto e la solidarietà della Nato contro quella che definisce l’aggressione siriana. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -