Terremoto: caldo sahariano nella tensostruttura medica di fronte all’Ospedale di Mirandola.

MIRANDOLA 21 GIU – “Fa talmente caldo che si spaccano le flebo.  Una  ‘tortura’ per medici e pazienti nel punto medico avanzato di Mirandola, allestito di fronte all’Ospedale inagibile a causa del terremoto, pazienti e operatori stanno vivendo una situazione di estrema difficoltà”

Lo sottolinea il Consigliere regionale Andrea Leoni in una interrogazione dove chiede all’Assessorato regionale alla Sanità della Regione Emilia Romagna quali iniziative intenda assumere per porre rimedio alla ‘tortura’ alla quale sono sottoposti i pazienti ed il personale medico e paramedico, del punto medico avanzato di Mirandola, in provincia di Modena.

“La presenza dei condizionatori, che vanno però regolarmente in blocco perché l’assorbimento di corrente è altissimo, non riesce a rendere vivibile l’ambiente nella tensostruttura di fronte al’Ospedale dove le temperature sono da deserto del Sahara.

E’ una situazione da “codice rosso” che ha portato addirittura le flebo a scoppiare per il caldo. E’ evidente che il disagio per i pazienti e il personale è davvero forte.

Servono quindi tempi certi per la riapertura degli Ospedali di Mirandola e Carpi e che contestualmente si potrebbe prevedere l’uso di strutture idonee quali quelle della sanità militare che ha mezzi idonei che possono essere usati in tale particolare situazione climatica.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -