Siria, NY Times: agenti Cia al confine turco per consegna armi a ribelli, tramite Fratelli Musulmani locali

21 giu – Un gruppo ristretto di agenti dell Cia, l’agenzia di intelligence degli Stati Uniti, si trova nel sud della Turchia, sul confine con la Siria, e partecipa alla consegna di armi ad alcuni gruppi di opposizione al regime di Bashar al-Assad. Lo riporta il New York Times, che cita funzionari americani e fonti di servizi di intelligence arabi. In particolare, secondo le fonti, gli uomini inviati dagli Stati Uniti partecipano alla scelta dei gruppi a cui consegnare le armi e operano per evitare che finiscano in mano a combattenti vicini ad al-Qaeda o ad altri gruppi terroristici.

Gli Stati Uniti non forniscono direttamente le armi, il cui acquisto e’ invece finanziato da Turchia, Arabia Saudita e Qatar. Si tratta in gran parte di fucili automatici, lanciarazzi, munizioni e un certo numero di armi anticarro, fatte entrare in Siria attraverso il confine turco e consegnate ai combattenti da intermediari, come i Fratelli Musulmani locali. L’obiettivo degli Stati Uniti non e’ solo quello di armare un gruppo selezionato di combattenti, ma anche di raccogliere informazioni sulla galassia piuttosto ambigua e mutevole dell’opposizione siriana.

Secondo le fonti del New York Times, l’amministrazione Usa sta anche valutando l’ipotesi di fornire agli attivisti anti-Assad strumenti tecnologici per fronteggiare il regime, come sistemi satellitari in grado di fornire informazioni sulla posizione delle truppe governative.

In aggiunta, Washington considera l’ipotesi di contribuire alla formazione di un servizio di intelligence degli oppositori. Si tratta, hanno precisato le fonti, di ipotesi che per il momento sono in fase di studio e sulle quali non e’ stata presa una decisione. AKI



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -