Effetto Monti: Entro 2014 l’Italia avrà bisogno di 670 miliardi di nuovi prestiti per pagare i vecchi

L’economia italiana cresce poco, accusa la Bild, e, soprattutto, entro il 2014 l’Italia avrà bisogno di 670 miliardi di nuovi crediti per pagare i vecchi.

18 giu – “Questi cinque vogliono i nostri soldi”: così titola oggi il sito del tedesco Bild un articolo in cui accusa Barack Obama, Mario Monti, Mariano Rajoy, Francois Hollande e Manuel Barroso di volere i soldi dei contribuenti tedeschi per risolvere la crisi dell’Eurozona.

Come scrive il quotidiano tedesco, Monti, che pure “ha iniziato con coraggio” il suo mandato governativo, avrebbe dovuto fare di più, tanto che stando al World Economic Forum l’Italia è al 125esimo posto nella classifica dei paesi che creano nuovi posti di lavoro (un posto davanti alla Grecia). Anche l’economia italiana cresce poco, sottolinea la Bild, e, soprattutto, entro il 2014 l’Italia avrà bisogno di 670 miliardi di nuovi crediti per pagare i vecchi.

Anche il presidente Obama, secondo la Bild, naviga in cattive acque, a pochi mesi dalle presidenziali di novembre. Il suo sfidante, il repubblicano Mitt Romney, è dato alla pari nei sondaggi. L’economia stenta a riprendersi e ogni mese si creano pochi posti di lavoro. Obama, scrive il quotidiano, vuole un programma di stimolo per l’Europa, che spinga l’economia americana, e vorrebbe quindi che un ammorbidimento del rigore richiesto da Angela Merkel.

Il presidente francese Francois Hollande, che da ieri può contare su una maggioranza socialista in Parlamento, è a favore degli eurobond, e vorrebbe adottare dei programmi di stimolo economico (fino a 120 miliardi di euro) per rilanciare la crescita. Anche la Spagna del conservatore Rajoy è “in profonda difficoltà”. Il tasso di disoccupazione è il più alto in Europa (circa il 254%), e il tasso di disoccupazione giovanile è quasi il doppio. Come Hollande, vuole gli eurobond. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -