Spagna davanti alla Corte Ue per fogne irregolari

ue16 GIU – La Commissione europea ha deciso di portare la Spagna davanti alla Corte europea di giustizia per aver violato le normative comunitarie in materia ambientale, in particolare quella sulla gestione adeguata delle acque reflue e quella sui piani di bacino dei fiumi.

Nel primo caso, la Spagna non ha assicurato che i centri con oltre 10mila abitanti che scaricano i reflui in aree ritenute sensibili, trattino questi rifiuti in maniera appropriata. La mancanza di un’adeguata gestione, che avrebbe dovuto essere a norma dal 1998, mette quindi a rischio la salute umana, le acque interne e l’ambiente marino. La lentezza dei progressi della Spagna su questo fronte ha portato la Commissione Ue a ricorrere alla Corte europea di Giustizia.

Per quanto riguarda il secondo caso, Madrid non ha ancora sottoposto i suoi piani di gestione dei bacini fluviali a Bruxelles, che avrebbero dovuto essere adottati entro il 22 dicembre 2009. Questi piani sono essenziali per raggiungere l’obiettivo previsto per il 2015 di un ‘buono stato’ di salute delle acque nell’Ue. Nonostante diversi richiami e dopo l’adozione di un solo piano, non e’ stata intrapresa nessuna azione soddisfacente. Di qui la decisione di Bruxelles di portare la Spagna davanti alla Corte Ue. (ANSA)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -