Pdl e Lega condannati per l’uso del termine “zingaropoli”

13 giu. – I due partiti dovranno rimborsare le spese di giudizio e la sentenza dovra’ essere pubblicata entro 30 giorni sul ‘Corriere della Sera’. “Emerge con chiarezza – scrive nella sentenza il Giudice Orietta Micciche’ – la valenza gravemente offensiva e umiliante di tale espressione che ha l’effetto non solo di violare la dignita’ dei gruppi etnici sinti e rom, ma altresi’ di favorire un clima intimidatorio e ostile nei loro confronti”.

“Per la prima volta in Italia viene depositato un provvedimento giudiziario che condanna dei partiti politici per discriminazione” dichiara Pietro Massarotto, Presidente del Naga, “e’ per noi una vittoria molto importante e vorremmo fosse intesa come un messaggio molto chiaro contro la normalizzazione dell’emarginazione e delle pratiche di esclusione sociale a cui purtroppo siamo stati abituati”.

Si sosteneva nel ricorso che non fosse possibile ne’ legittimo per un partito politico utilizzare slogan e dichiarazioni manifestamente discriminatori“. Conclude Massarotto: “Speriamo che questo rappresenti un passo verso l’effettiva tutela delle minoranze nel nostro Paese, ma quello che piu’ speriamo e’ di non dover mai piu’ intervenire per questo genere di discriminazioni ‘istituzionali'”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -