Benedetto XVI: ”Conosciamo oggi una cultura dove non conta la verita”’

11 giu – Papa Benedetto ha invitato questa sera a respingere una cultura che traveste la verita’ da menzogna e dove conta ”solo la sensazione, lo spirito di calunnia e di distruzione”.

Il pontefice ha aperto, nella basilica di San Giovanni in Laterano, il convegno della diocesi di Roma, dedicato al battesimo. ”Conosciamo oggi una cultura dove non conta la verita”’, ha detto papa Ratzinger, ma ”solo la sensazione, lo spirito di calunnia e distruzione, la cultura che non cerca il bene, il cui moralismo e’ la maschera per confondere in realta’ e creare confusione e distruzione, dove la menzogna si presenta nella veste della verita’ e dell’informazione”.

Si tratta di una cultura, per il pontefice che punta solo ”al benessere materiale e nega Dio”, una ”cultura del male”. In questo contesto, ha aggiunto, il battesimo e’ un ”’no’ detto e realizzato ogni giorno della nostra vita, con i sacrifici che costa opporsi a una cultura dominante”.

Soffermandosi sull’origine del termine ”pompa del diavolo”, Benedetto XVI ha spiegato che si trattava di ”grandi spettacoli cruenti, dove le crudelta’ diventano divertimento, uccidere gli uomini diventava una cosa spettacolare”, in cui il diavolo si presentava ”con apparente bellezza” ma ”con tutta sua crudetla”’. Si trattava, per il papa, di una ‘way of life’ nella quale ”non conta la verita’ ma l’apparenza, non si cerca la verita’ ma l’effetto, la sensazione, sotto il pretesto della verita’ si distruggono gli uomini e si vuole creare solo se stesso come vincitore. Questa rinuncia era una rinuncia ad una anti-cultura contraria a Cristo e a Dio”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -