Aborto: il 20 giugno la Consulta esamina Legge 194

7 giu. – E’ stata fissata al 20 giugno prossimo la camera di consiglio in cui la Corte Costituzionale esaminera’ l’atto con cui il giudice tutelare di Spoleto ha sollevato questione di legittimita’ relativo alla interruzione di gravidanza di una minorenne.

Il giudice di Spoleto ha infatti sollevato una questione di legittimita’ dell’articolo 4 della legge 194/1978, inerente l’interruzione della gravidanza nei primi novanta giorni dal concepimento, e la facolta’ della gestante che accusi circostanze comportanti un “serio pericolo” per la sua salute fisica o psichica: secondo il giudice, tale norma viola in particolare, gli articoli 2, (diritti inviolabili dell’uomo), 32 I Comma (tutela della salute) e rappresenta una possibile lesione del diritto alla vita dell’embrione, in quanto uomo in fieri

Il caso e’ stato sollevato nell’ambito di un procedimento, riguardante una minorenne – nata nel 1995 – che aveva manifestato la volonta’ di sottoporsi a un aborto senza coinvolgere i genitori, e per questo si era rivolta a un consultorio familiare accompagnata dal fidanzato, anch’egli minorenne.

La ragazza aveva espresso “con determinazione” di voler abortire non ritenendosi in grado di crescere un figlio, ne’ disposta ad affrontare un evento che per lei rappresenterebbe “uno stravolgimento esistenziale”. Il giudice di Spoleto ha presentato ricorso alla Consulta citando anche una sentenza della Corte di Giustizia europea relativa alla nozione di “embrione umano”. Il giudice relatore della causa sara’ Mario Rosario Morelli, noto per essere stato l’estensore della sentenza che nel 2008 mise fine alla vicenda di Eluana Englaro dando il via libera al distacco del sondino che la alimentava.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -