Terremoto, Razzaboni: Tasse sospese 3 mesi? E’ una presa in giro

5 giu – Il Governo ha deciso di sospendere il pagamento delle tassazioni alle imprese colpite dal terremoto in Emilia. Per Nicoletta Razzaboni, titolare di Cima, azienda di Mirandola che produce macchine per la gestione del contante e la protezione del denaro, si tratta “non di una banalità, ma di una presa in giro”. Infatti “come facciamo a recuperare in tre mesi” il danno subito, dal momento che “le nostre aziende non stanno lavorando?“.

Intervenendo all’assemblea di Confindustria Modena, Razzaboni ha ricordato che l’85% delle imprese della Bassa modenese “sono state rase al suolo” e “l’indotto è fermo” quindi “quando ripartiremo, dovremo lavorare anche per loro”. “Le istituzioni, tra la Regione e la Protezione civile, si contraddicono, ha aggiunto l’imprenditrice riferendosi alle certificazioni per l’agibilità delle strutture. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -