UE: 558 milioni in 10 anni all’Italia per catastrofi naturali, ma al Marocco ne regala 190 l’anno

3 giu. – Nello scorso aprile la Commissione Europea ha stanziato 80 milioni di euro extra tramite il nuovo strumento della ‘Spring’ facility, per lo sviluppo economico, sociale e dei diritti umani del Marocco”. La cifra ”si aggiunge – ha spiegato il commissario Ue – ai 190 milioni di euro annuali gia’ previsti nell’ambito della nostra assistenza tecnica e finanziaria”.

Negli ultimi dieci anni l’Unione europea ha stanziato 558,3 milioni di euro per l’insieme delle catastrofi che di sono verificate in Italia su un totale di 13,34 miliardi di danni subiti tra il terremoto in Molise (2002), l’eruzione dell’Etna (2002), il terremoto in Abruzzo (2009) e l’alluvione in Veneto (2010).

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti in occasione della visita nelle zone colpite dal sisma del vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani e del commissario europeo per le Politiche regionali Johannes Hahn che ha stimato una valutazione di danni intorno ai 5 miliardi e un aiuto comunitario nell’ordine di 150-200 milioni con il fondo di solidarieta‘. “Dalle istituzioni comunitarie – premette la Coldiretti – ci attendiamo un impegno straordinario che possa rafforzare con la solidarieta’ la coesione tra gli Stati europei in un momento in cui e’ messa in discussione dalla crisi economica e dagli egoismi nazionali”.

Il Fondo di solidarieta’ dell’Unione (Fsue) “e’ nato per rispondere alle grandi calamita’ naturali ed esprimere la solidarieta’ europea alle regioni colpite all’interno dell’Ue ed interviene nel caso che il danno complessivo superi almeno una di queste due soglie: lo 0.6% del Pil o 3 miliardi ai prezzi 2002. Un importo che – continua la Coldiretti – e’ stato superato con i danni provocati dalle ultime scosse di terremoto in Italia che puo’ ora presentare domanda”. Il Fsue integra la spesa pubblica degli Stati membri per finanziare tutta una serie di interventi di emergenza.

( L’Italia dei suicidi regala 4 miliardi a paesi in via di sviluppo )

Questi gli interventi previsti: ripristino immediato delle infrastrutture e degli impianti nei settori elettricita’, rete idrica e fognaria, trasporti, telecomunicazioni, sanita’ e istruzione; messa a disposizione di alloggi temporanei e organizzazione dei servizi di soccorso destinati a soddisfare le necessita’ immediate della popolazione; realizzazione immediata delle misure e infrastrutture di prevenzione per proteggere il patrimonio culturale; ripulitura delle zone danneggiate, comprese quelle naturali.

Negli ultimi dieci anni l’Ue e’ intervenuta a sostegno dell’Italia – ricorda la Coldiretti – per il terremoto in Molise (con 30,8 milioni a fronte di 1.588 milioni di danni), l’eruzione dell’Etna (con 894 milioni a fronte di 894 milioni di danni), il terremoto in Abruzzo (con 493,8 milioni a fronte di 10.212 milioni di danni) e l’alluvione in Veneto (16,9 milioni a fronte di 676 milioni di danni).



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -