C’è parata e parata

2 giu – La ricchezza della nostra lingua rende affascinante il gioco lessicale e semantico intorno a una parola.
È questo il caso del lemma  “parata”, da quando è in atto la bagarre contro quella del 2 giugno. Tanto per la cronaca, i telespettatori di Sky hanno dato una maggioranza bulgara al “NO”, con il 97%.

La parata, per quanto attiene alle forze armate, è,  o dovrebbe essere, l’esibizione solenne della potenza armata di un Paese. Stride  perciò l’aggettivo “sobria” scelto da Napolitano per definire la tignosa conferma della kermesse.
Del resto, tra semiologia costituzionale e presidenza della Repubblica non corre buon sangue, da un po’ di tempo a questa parte.

Gli equilibrismi dialettici sulla Costituzione materiale e formale si sprecano e rivelano la smaccata partigianeria di certi costituzionalisti in ossequio all’inquilino del Colle.

Avremo così la paratina del 2 giugno unicamente per compiacere alla tigna di Giorgio, quasi alle soglie del semestre bianco. Egli intende giocare con i soldatini a spese nostre e dei terremotati, che è peggio; essendo in pratica una gaffe quella di voler esibire l’orgoglio militare del Paese in memoria delle vittime del terremoto.

La smettano una buona volta di prenderci per il culo e di fornire a Beppe Grillo l’ennesima occasione di sberleffo.

Guglielmo Donnini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -