Siria: ambasciatori espulsi da Europa, Usa e Canada. Francia non esclude intervento militare

Condividi

 

30 mag – La diplomazia internazionale volta le spalle al regime di Damasco. L’Italia, diversi altri paesi dell’Europa occidentale, Stati Uniti, Canada e Australia hanno espluso gli ambasciatori siriani.

La strage di Hula, in cui sono morte 108 persone, quasi la metà bambini, ha rappresentato un punto di rottura. L’inchiesta dell’Onu ha appurato che i miliziani irregolari di Bashar al Assad, i cosiddetti ‘spettri’, hanno effettuato esecuzioni sommarie casa per casa. E la comunità internazionale non sta più a guardare:

“L’azione militare non è esclusa – ha detto il Presidente francese François Hollande – a condizione che sia avviata nel rispetto del diritto internazionale, cioé con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Tocca a me e gli altri a convincere russi e cinesi, ma anche trovare una soluzione che non sia necessariamente militare”.

L’inviato speciale di Onu e Lega araba Kofi Annan, incontrando Assad, ha ribadito la necessità di passi concreti per la totale deposizione delle armi.

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -