Decreto presidenza del Consiglio: Eni ceda a Cassa Depositi e Prestiti una quota non inferiore al 25,1%

25 MAG – La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha varato il DPCM che definisce modalita’ e termini della separazione di Snam da Eni, che dovra’ cederne almeno il 25,1% a Cassa Depositi e Prestiti.

Il decreto stabilisce che Eni perda il controllo di Snam nei tempi piu’ brevi, entro il termine di 18 mesi indicato dal Cresci Italia.

In particolare, si legge in una nota, il provvedimento stabilisce che ”Eni riduca la propria partecipazione in SNAM, perdendone il controllo nei tempi piu’ brevi, compatibilmente con le condizioni di mercato e comunque entro il termine di 18 mesi indicato dal ‘Cresci Italia’”. Le modalita’ di cessione verranno definite dai Consigli di Amministrazione delle due societa’.

Anche Per quello che riguarda Ansaldo Energia tutte le strade portano verso il Fondo strategico italiano della Cassa Depositi e Prestiti, che entrerebbe nel capitale della societa’ – oggi 55% Finmeccanica e 45% al fondo Usa First Reserve – con una quota, anche in questo caso, del 20-25 per cento. Riguardo ai tempi, diverse fonti fanno capire che le trattative vanno stringendosi.

Cassa depositi e prestiti (CDP) è una società per azioni a controllo pubblico: il Ministero dell’Economia e delle Finanze  detiene il 70% del capitale, il restante 30% è posseduto da un nutrito gruppo di Fondazioni di origine bancaria.



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -