Salute: Pediatri, figli di coppie gay rischiano scompensi psicosomatici

23 mag – ‘No’ dei pediatri SIPPS (Societa’ Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale – affiliata alla Societa’ Italiana di Pediatria) all’adozione di figli da parte di coppie gay.

Figli di gay sono tendenzialmente ad alto rischio di problemi sicuramente psicosomatici, neuropsichiatrici e di depressione”, ha spiegato il presidente della SIPPS Giuseppe Di Mauro, ospite di KlausCondicio, programma televisivo condotto da Klaus Davi in onda su YouTube e dedicato alle adozioni gay, che sposa in pieno le tesi della rivista Pedioatrics, secondo cui ”bambini cresciuti da coppie omosessuali sono esposti a maggiori rischi per la salute di quelli cresciuti in famiglie eterosessuali sposate”. Secondo lo studio, condiviso dalla SIPPS e discusso nella puntata, ”le unioni omosessuali hanno una minore durata (2/3 anni in media) rispetto a quelle eterosessuali. I bambini cresciuti da coppie omosessuali sono piu’ portati ad incontrare problemi di confusione nell’identita’ sessuale, a sperimentare sessualmente e ad assumere comportamenti omosessuali”.

”Sottoscriviamo in pieno la tesi esposta da Pedioatrics”, ha ribadito Giuseppe di Mauro: ”Il bambino che cresce con una coppia omosessuale – ha poi spiegato – e’ tendenzialmente ad alto rischio di problemi psicosomatici, neuropsichiatrici e di depressione. Noi creiamo delle persone che comunque sono dei diversi. Noi – ha poi precisato Di Mauro – abbiamo su tutte le caselle maschi o femmine, la terza casella io non la leggo.

I bambini tendono ad assumere le caratteristiche dei propri genitori, quelli cresciuti dalle coppie omosessuali prendono riferimento da questa loro famiglia, cercano di imitarla, di condividerla. Allora, mi domando, si da’ vita ad un esercito di gay?”. Nel corso della trasmissione, Di Mauro ha aggiunto: ”Oggi le patologie principali per i bambini sono i disturbi psicosomatici, le malattie neuropsichiatriche psicosomatiche sono di gran lunga aumentate. La disgregazione del nucleo familiare puo’ portare a dei rischi al bambino di malattie neuropsichiatriche o almeno psicosomatiche”.

Per questo Di Mauro si augura ”che in Italia non venga mai approvata una legge che permetta l’adozione alle coppie omosessuali”.

”Non c’e’ nessuna discriminazione per le persone – ha spiegato – perche’ i cattivi, i buoni e i bravi sono in tutte le classi e in tutte le categorie”. Ma ”al bambino per vivere, oltre a una salute fisica, occorre la salute psicologica, mentale, scolastica”. Cauto sulle adozioni gay anche Francesco Paravati, presidente del SIPO (Societa’ Italiana di Pediatria Ospedaliera) intervenuto in trasmissione: ”Un bambino con due genitori omosessuali e’, nelle prime fasi di vita, un po’ confuso.

Manca un riferimento a un’identita’ di entrambi i genitori; avere due mamme diventa difficoltoso soprattutto quando il bambino ha dei riscontri nell’ambito sociale, nell’asilo e nella scuola”. ”Le nuove famiglie costituite da coppie omosessuali con figli rappresentano certamente un problema emergente per la realta’ italiana. Nella nostra realta’ – spiega – diversa tra la citta’ e la provincia, queste diversita’ impattano sicuramente nella vita sociale di un bambino, soprattutto nell’ambito dell’asilo e della scuola, che costituiscono dei momenti di crescita e confronto importanti con gli altri bambini della stessa eta”’. asca



   

 

 

2 Commenti per “Salute: Pediatri, figli di coppie gay rischiano scompensi psicosomatici”

  1. Giuseppe di Mauro: ”Il bambino che cresce con una coppia omosessuale – ha poi spiegato – e’ tendenzialmente ad alto rischio di problemi psicosomatici, neuropsichiatrici e di depressione. Noi creiamo delle persone che comunque sono dei diversi” Io prenderei questo Giusepe Di Mauro e gli farei fare una settimanella di vita con i bambini abbandonati che vivono: in strada a Bhaia ( e io li ho visti) che dormono nei cartoni e che mangiano frugando nell’immondizia, poi una settimanella nelle fogne di Bucarest con i figli dei drogati o degli alcoliti abbandonati a se stessi a vivere come topi, poi un’altra settimanella in un campo profughi nel Darfur a mangiare vermetti se va bene per fare il confronto con questi tremendi problemi psicosomatici dei bambini adottati dai gay di cui vagheggia

  2. Caro Claudio, o sei molto ingenuo o molto molto furbo…
    la macchina che si è messa in moto non ha nulla a che vedere con il dare una famiglia ai bambini. Non sono i bambini al centro, ma la voglia dei gay di essere per forza genitori, costi quel che costi.
    Gli psichiatri pensano che non sia una buona idea: vogliamo fare delle prove sulla pelle degli innocenti per vedere se è vero o no?
    Premesso che nel suo letto ognuno fa quel che gli pare, lasciamo i bimbi in pace.
    Chi volesse capire meglio la situazione generale e dove stiamo andando puo’ leggere qui
    http://www.tempi.it/al-vaglio-una-legge-che-vieta-ai-gay-di-curarsi-psichiatri-e-totalitarismo#ixzz1vtQg5MPn

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -