Monti vuole la ‘regola d’oro’ tratta da manuali di economia keynesiana

27 apr.  – Con il clima nell’Ue ora favorevole alle politiche di crescita anche nei paesi tradizionalmente più reticenti e sospettosi come la Germania, sta forse arrivando il momento perché il premier italiano Mario Monti possa uscire allo scoperto e mettere in cantiere un progetto che gli sta a cuore da molti anni.

Non si tratta solo di ottenere finalmente dagli altri leader dei Ventisette l’impegno (in parte già assunto) a realizzare pienamente il potenziale del mercato unico, rimuovendo le ultime barriere tecniche nazionali più dure a morire. Il premier italiano, diceva recentemente chi lo conosce bene, sta aspettando anche l’occasione per ripresentare all’Europa la sua vecchia idea della ‘Golden Rule’, la ‘regola d’oro tratta dai manuali di economia keynesiana. L’idea è quella di contabilizzare in modo diverso la spesa corrente, nei bilanci pubblici, la spesa per alcune categorie ben definite di investimenti produttivi, così da non doverla più sottoporre ai limiti al deficit imposti dal Patto di stabilità dell’Eurozona, e ora a quelli ancora più stringenti del ‘Fiscal Compact’.

Al termine del suo intervento allo European Business Summit, ieri a Bruxelles, Monti ha lanciato il sasso nello stagno, sebbene in modo non ancora pienamente esplicito evidentemente per evitare di irritare Berlino prima di avere ottenuto un eventuale accordo coi tedeschi.

Il premier ha chiesto all’Ue “un trattamento appropriato per gli investimenti” nei bilanci interni dei paesi membri, precisando subito dopo “non come modo di eludere la disciplina di bilancio, ma per renderla veramente sostenibile nel medio termine”. Più tardi, con i cronisti, ha insistito sulla necessità di “maggiore attenzione per la spesa per gli investimenti, sia pubblica che privata”, anche se poi ha avvertito che “non è ancora il momento di formulare ricette specifiche”, mentre sono in corso i contatti con i tedeschi. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -