Divario salari-prezzi al top dal 1995. Retribuzioni marzo: +1,2% anno, peggio da ’83

ROMA 24 Aprile – A marzo la forbice tra l’aumento delle retribuzioni contrattuali orarie (+1,2%) e il livello d’inflazione (+3,3%), su base annua, tocca una differenza di 2,1 punti percentuali, che rappresenta il divario più alto dall’agosto del 1995. Lo rileva l’Istat.

Le retribuzioni contrattuali orarie a marzo restano ferme su febbraio e salgono dell’1,2% su base annua. Lo rileva l’Istat, aggiungendo che la crescita tendenziale e’ la piu’ bassa almeno dal 1983, ovvero dall’inizio delle serie storiche ricostruite, 29 anni fa.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -