Si è svegliato De Magistris: Pareggio bilancio è svolta antidemocratica, Costituzione svenduta alle banche

20 apr – Il pareggio di bilancio in Costituzione è “una svolta antidemocratica“. E’ quanto sostiene il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “L’ultima pagina – sostiene il primo cittadino partenopeo sul suo blog – di questo tempo buio che stiamo attraversando è stata scritta poche ore fa in Senato, dove è stata approvata l’introduzione del pareggio di bilancio in Costituzione, modificando l’art. 81. Spiegano illustri studiosi della materia che si tratta della più importante trasformazione/involuzione della nostra Carta dopo la devolution dell’allora ministro Calderoli”.

Uno stravolgimento costituzionale – ha proseguito – avvenuto nel silenzio generale e senza dibattito pubblico, per il quale non ci sarà nessun referendum fra i cittadini. Evidentemente per questo parlamento di nominati, che hanno scelto di rinunciare al loro ruolo politico affidandosi alla ‘salvezza tecnica’, la Costituzione è proprietà di pochi che può essere svenduta alle banche centrali europee e alle misure liberiste. Un obbligo imposto non solo allo Stato, ma a tutti gli enti amministrativi e che rientra nel cosiddetto Fiscal compact europeo”.

Per de Magistris questo rappresenta “la vittoria integrale del mercato senza regole, lo stesso che ha generato la crisi dimostrando la sua fragilità e pericolosità, e che annichilisce le istituzioni pubbliche, dallo Stato ai Comuni, tutti impossibilitati ad intervenire nella gestione dell’economia nell’interesse dei cittadini”. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -