Lo accusano di evasione fiscale, muore d’infarto

16 apr – Il supermarket che gestiva insieme ad un socio, a Vilminore, in provincia di Bergamo, era finito nel mirino della guardia di finanza che indagava su una serie di scontrini ‘fasulli’ e balzato così alle cronache: ieri è morto uno dei gestori, 39enne, trovato senza vita a casa. A stroncarlo probabilmente un infarto. Lo riferisce L’Eco di Bergamo.it.

È stato il socio e amico a insospettirsi dopo non averlo visto presentarsi al lavoro e non rispondeva nemmeno al telefono. Così è stato allertato il 118 che ha scoperto la tragedia.

Il 17 marzo era scoppiato il caso: un’indagine su scontrini staccati e poi annullati per un’evasione su un imponibile di 530 mila euro. Nessun riferimento nella nota della guardia di finanza né al paesino né al negozio. Ma secondo le informazioni raccolte in paese da amici e conoscenti – spiega il quotidiano lcoale – il 39enne non soffriva di malattie cardiache e così sono in molti a pensare che non sia riuscito ad reggere la clamorosa esposizione mediatica. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -