Welfare, “in hac lacrimarum valle”. Il vecchietto dove lo metto?

ROMA, 12 Aprile – Secondo il Fondo Monetario Internazionale, il welfare italiano è a rischio perché restiamo sempre più a lungo “in hac lacrimarum valle”. Dicono quelli del Fondo :”Se in Italia la vita si allungherà di tre anni, il balzo dei costi sarà del più cinquanta per cento. Buttandola in chiave di humor nero, noi vecchietti, nati negli anni trenta del secolo scorso, dovremmo accelerare la nostra dipartita dalla “lacrimarum valle”. Diventeremmo benemeriti del welfare italiano. Inoltre, aggiusteremmo l’età media anagrafica della popolazione. Suggerirei di costituire il Sindacato dei nonni in partenza verso lidi ignoti, onde negoziare con le autorità preposte una serena dipartita e qualche piccolissimo vantaggio per i superstiti in linea diretta. Magari con la consulenza del Fondo Monetario Internazionale.

guglielmo donnini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -