Anatocismo, Consulta: illegittima “norma salva-banche”, viola la Costituzione

Condividi

 

5 apr. – La Consulta ha dichiarato l’illegittimita’ costituzionale della norma, contenuta nel decreto milleproroghe del 2010, nella quale si disponeva che in ordine alle operazioni bancarie regolate in conto corrente, “la prescrizione relativa ai diritti nascenti dell’annotazione in conto inizia a decorrere dal giorno dell’annotazione stessa”.

La Corte Costituzionale ha cosi’ accolto, con la sentenza numero 78 depositata oggi, ricorsi promossi da diversi tribunali nel 2011. La norma censurata, secondo i giudici della Consulta, viola, in particolare, l’art.3 della Costituzione perche’ “facendo retroagire la disciplina in esso prevista, non rispetta i principi generali, eguaglianza e ragionevolezza”.

Inoltre, si legge ancora nella sentenza, “non e’ dato ravvisare quali sarebbero i motivi imperativi di interesse generale, idonei a giustificare l’effetto retroattivo” della norma che, quindi, viola anche l’art.117 della Costituzione. agi

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -