Radicali islamici lo accusano di blasfemia, licenziato direttore di giornale laico

31 marzo – Zameer Afaqi, giornalista musulmano, ex direttore di “Takmeel e-Pakistan” (“Il vero Pakistan”), magazine pubblicato a Lahore (in Punjab), è stato licenziato dal giornale per le pressioni di gruppi fondamentalisti islamici e per le accuse di blasfemia rivolte al giornale. Afaqi, sposato, con tre figli, in seguito alla vicenda si è trovato disoccupato, ha subìto un attacco cardiaco, è stato ricoverato in ospedale e ora si trova segregato in casa, tuttora minacciato.

Il magazine che dirigeva si ispira ai valori fondativi del Pakistan: citando il padre del patria, Ali Jinnah, difende l’idea di una nazione laica, dove regni lo stato di diritto, la democrazia, la libertà. Raggiunto dall’Agenzia Fides, Afaqi spiega di aver più volte scritto contro l’estremismo islamico e contro i talebani, definendoli “virus della nazione”. Ha difeso apertamente i diritti umani, i diritti della minoranze religiose e l’importanza del loro contributo alla società pakistana.

Per questo il giornale e il suo ex direttore sono entrati nelle mire degli estremisti della rete Tahafuz-e-Namoos-e-Rislat Mahaz (TNRM, “Alleanza per difende l’onore del Profeta”). Afaqi, come riferisce in un colloquio con Fides, è stato licenziato nel febbraio scorso a causa di un editoriale considerato “blasfemo”. Il direttore aveva appena pubblicato un articolo sulle organizzazioni islamiste vietate in Pakistan (quelle bandite ufficialmente per legami col terrorismo) che però continuano apertamente le loro attività.

I fondamentalisti hanno iniziato una campagna di pressioni e di protesta pubblica: hanno così registrato una denuncia per blasfemia contro il giornale, citando un vecchio articolo in cui si parlava del compleanno del Profeta Maometto. A quel punto l’editore, per paura di peggiori conseguenze, ha chiesto scusa agli estremisti e ha deciso di licenziare il direttore.
Afaqi dice a Fides: “Non è facile essere un giornalista in Pakistan, paese inquinato dal fanatismo.

Oggi sono senza lavoro, non so come provvedere alla mia famiglia e in più temo per la mia vita e per quella dei miei cari. Tuttavia con la mia opera continuerò a condannare l’estremismo e a promuovere la difesa dei diritti umani e dei diritti delle minoranze. Credo che la speranza per questo paese sia l’unione di tutte le persone di buona volontà”. Il giornalista informa Fides che intende scrivere un libro sulla figura di Salman Taseer, ex governatore del Punjab, assassinato dalla sua guardia del corpo nel gennaio 2011 per aver chiesto una modifica della legge sulla blasfemia e per aver difeso Asia Bibi, donna cristiana condannata a morte per blasfemia.

Nella vicenda di Zameer Afaqi, notano fonti di Fides, l’amministrazione civile e la polizia di Lahore hanno lasciato agire indisturbate le organizzazioni settarie e i gruppi militanti che “vogliono farsi giustizia da soli, nel disprezzo dello stato di diritto”. Alcune Ong, come l’Asian Human Rights Commission, ha segnalato il caso di Afaqi all’Osservatore speciale Onu sulla libertà di espressione, chiedendo il suo intervento. (PA) (Agenzia Fides 30/3/2012)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -