Invasione: pratiche false per “lavoro fantasma”

CATANIA, 1 Aprile – Si facevano pagare dagli immigrati dai 2.500 a 4.500 euro per il permesso di soggiorno, ma il tutto avveniva attraverso l’inoltro di false pratiche di emersione dal lavoro nero, favorendo così l’immigrazione clandestina.

L’indagine è stata coordinata dai sostituti pocuratori Vincenzo Serpotta, Rocco Liguori e Alessia Minicò. Gli arrestati sono un senegalese di 54 anni, e altri tre soggetti. Uno dei quali già in carce ed un altro irreperibile.

ma, nell’ambito della stessa attività investigativa sono emerse altre irregolarità. Sono stati indagate 184 persone, tra italiani e stranieri, 39 delle quali sono state rinviate a giudizio per aver attestato falsamente di avere alle proprie dipendenze cittadini extracomunitari.

Gli investigatori ritengono che l’organizzazione abbia favorito centinaia di stranieri privi dei requisiti previsti dalla legge e che abbia guadagnato centinaia di migliaia di euro.

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -