Lavoro, Soldini (Cgil): preoccupato per gli immigrati

Condividi

 

Soldini (Cgil)

27 mar. – “L’attacco all’articolo 18 rappresenta un abbassamento dei diritti per tutti i lavoratori, e ancora di più per gli immigrati, che rappresentano l’anello più debole della catena. Gli immigrati oggi in Italia vivono spesso in una condizione di soggezione rispetto alle aziende, quasi in una condizione di assoggettamento”. Così Piero Soldini, responsabile immigrazione della Cgil, a LABITALIA, sugli effetti della riforma del lavoro del governo sui lavoratori immigrati.

Tutti motivi per i quali gli immigrati saranno in prima fila nella mobilitazione del sindacato contro il provvedimento del governo, come conferma Soldini: “Gli immigrati iscritti alla Cgil sono oltre 400mila, sono parte integrante del nostro sindacato, multietnico per statuto”. adnkronos

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -