Chiedevano “Tassa rivoluzionaria” a immigrati curdi in Italia, membri Pkk arrestati per estorsione

27 mar. – Imponevano una “tassa rivoluzionaria” agli immigrati curdi in Italia. Con questa accusa la Polizia di Stato di Venezia ha arrestato alcuni cittadini turchi di etnia curda aderenti al Pkk, per tentativo di estorsione e lesioni gravi, commesse con l’aggravante del terrorismo. Gli appartenenti al partito avevano, secondo quanto accertato dagli inquirenti, il compito di riscuotere una sorta di tassa “rivoluzionaria” nei confronti degli immigrati curdi in Italia.
L’operazione e’ condotta dalla Digos della Questura di Venezia con il concorso degli uffici di Roma, Modena, Padova, Udine e Pesaro.

Le indagini sono state avviate dopo un grave episodio di violenza, perpetrato nei mesi scorsi e sfociato nel pestaggio di un cittadino turco titolare di una rivendita di kebab della provincia di Venezia. Ulteriori indagini coordinate dalla Procura Distrettuale di Venezia hanno immediatamente consentito alla Digos di mettere in luce la matrice politica della vicenda e di inquadrarla in una piu’ vasta attivita’ estorsiva messa in pratica dall’articolazione operativa del PKK (Partito dei Lavoratori Curdi, incluso nelle liste terroristiche dell’U.E.), incaricata dell’esazione della “tassa”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -