Il cibo del carcere gli fa male: scarcerato detenuto per associazione mafiosa

Condividi

 

PALERMO – Pasta o riso con i piselli, seppie e piselli, minestrone e fave. Un menu’ a base di legumi ”dannoso” per il manager della Sanita’, Michele Aiello che soffre di favismo. Ed e’ per questo che nei giorni scorsi e’ stato scarcerato dalla prigione di Sulmona.
Lo ha deciso, con questa motivazione, come riportano alcuni quotidiani, il tribunale di sorveglianza dell’Aquila che ha concesso, nei giorni scorsi, la detenzione domiciliare per un anno all’ingegnere, condannato a 15 anni e sei mesi per associazione mafiosa nel processo denominato Talpe alla Dda in cui fu coinvolto anche l’ex governatore siciliano Toto’ Cuffaro, attualmente detenuto a Rebibbia, dove sta scontando una condanna a sette anni di reclusione.
Aiello, titolare di un centro diagnostico all’avanguardia a Bagheria, era ritenuto, dai magistrati l’alter ego nella sanita’ del capomafia Bernardo Provenzano che avrebbe investito parte del suo denaro nelle attivita’ del manager.
”Il vitto carcerario non ha consentito un’alimentazione adeguata del detenuto, risultando dal diario nutrizionale la presenza costante di alimenti potenzialmente scatenanti una crisi emolitica e assolutamente proibiti”, hanno sancito i giudici. E quindi l’ex imprenditore ”non puo’ rimanere in prigione, perche’ esposto a serio e concreto rischio di vita o a irreversibile peggioramento delle gia’ scadute condizioni fisiche”. ansa

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -