India, Rushdie denuncia crescente intolleranza islamica

Condividi

 

Salman Rushdie

18 mar.  – Lo scrittore britannico di origine indiana Salman Rushdie ha lanciato oggi un duro attacco a Nuova Delhi contro il crescente clima di intolleranza in India, due mesi dopo aver dovuto annullare la sua partecipazione a un festival di letteratura per le minacce di morte ricevute da militanti islamici.

In una conferenza tenuta nella capitale, Rushdie ha accusato i politici indiani di mostrarsi compiacenti nei confronti degli estremisti islamici, lanciandosi quindi in un’accesa difesa della libertà di espressione.

A gennaio, l’autore di ‘Versi satanici’, pubblicato nel 1988 e tuttora vietato in India perché ritenuto blasfemo nei confronti dei musulmani, ha dovuto rinunciare a partecipare al salone del libro di Jaipur dopo essere stato informato dall’intelligence indiana di essere minacciato di morte. (fonte Afp)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
non riceve finanziamenti e non ha padroni.
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere
la nostra indipendenza.

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

Donazione tramite banca
IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal



Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2019 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -