Tramortisce e getta la ex da viadotto di 15 metri, poi si butta anche lui

Pesaro, 18 mar. – Non sopportava di aver perso l’amore della sua ormai ex fidanzata, e dopo un violento litigio l’ha gettata giu’ da un viadotto alto 15 metri, per poi buttarsi a sua volta. Entrambi sono salvi: lui ha una prognosi di 60 giorni, lei deve essere sottoposta a un intervento chirurgico.
E’ il dramma che si e’ consumato a Cagli, nel pesarese.

Saimo Lucchetti, muratore di 23 anni, secondo gli inquirenti ha avuto una furiosa litigata con la sua ex, Andrea Toccaceli di 18 anni, a casa di lei.
L’ha tramortita con un pugno, caricata in macchina e trascinata fino a un viadotto a Fossombrone, per gettarla nel vuoto. Poi si e’ buttato anche lui. Un volo di 15 metri da cui i due sono usciti miracolosamente vivi: i vigili del Fuoco e il 118 li hanno trovati in stato di semincoscienza. I due sono stati portati tramite elisoccorso all’ospedale Torrette di Ancona.

Ai soccorritori che li hanno trovati su un terreno, 15 metri sotto il viadotto della superstrada ’73bis’, il muratore avrebbe ripetuto piu” volte “e’ tutta colpa mia”. E’ stata la mamma della ragazza ad avvisare questa mattina i carabinieri: alle 7.30, non vedendo tornare Andrea, e’ scesa nell’atrio di casa, dove ha trovato sangue e un dente, segnali del violentissimo litigio accaduto qualche ora prima, intorno alle 5, quando la ragazza stava rientrando a casa da una serata in discoteca.

Le indagini sono coordinate dai carabinieri di Fano, coordinati dal capitano Cosimo Giovanni Petese. L’ipotesi del tentato omicidio-suicidio e’ la piu” probabile al momento, anche per via della violenza dei colpi che il giovane ha riversato sulla sua ex. Dopo averla malmenata, l’ha trascinata in auto e una volta sulla superstrada si e’ fermato all’interno di una piazzola di sosta. Quindi ha trascinato la ragazza verso il viadotto, ha chiuso l’auto, e l’avrebbe fatta precipitare per 15 metri. Poi si e’ gettato a sua volta, forse vittima dei sensi di colpa. E’ stato il terreno molle ad attutire il colpo e una persona che stava facendo jogging in un sentiero poco distante ha visto i corpi di entrambi e ha dato l’allarme. Lei e’ in prognosi riservata all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, dopo un delicatissimo intervento chirurgico. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -