Istat: immigrati triplicati in 8 anni. In Italia sono più di 4,5 milioni

16 marzo – In 8 anni il numero di stranieri residenti in Italia si è triplicato, superando i 4,5 milioni di presenze. A questi vanno aggiunti i circa 600.000 stranieri senza permesso di soggiorno stimati dalla Caritas. Lo afferma il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, durante un incontro su ‘Etica e immigrazione’.

“Certo, sul conteggio incide la regolarizzazzione intervenuta in questi anni -sottolinea Giovannini-, ma anche i numerosi ricongiungimenti famigliari, soprattutto dai Paesi europei”. I lavoratori immigrati “inviano rimesse verso i Paesi di provenienza per lo 0,5% del Pil, dato in notevole crescita, visto che nel 2000 era pari allo 0%”. Un dato preoccupante per l’integrazione, indica Giovannini, è però la disparità di trattamento economico di un lavoratore straniero rispetto a uno italiano: l’Istat rileva che il reddito medio del primo è pari al 56% del secondo.

Ulteriore preoccupazione viene dal tasso rilevato di abbandono scolastico: se il 13% dei giovani italiani lascia la scuola per il lavoro, il dato schizza a “più del 40% per i giovani stranieri: magari anche perché le loro famiglie sono tornate nei Paesi di provenienza, ma è comunque un dato altissimo, che potrebbe esporre a un rischio criminalità, come dimostra il recente fenomeno delle gang giovanili” di stampo etnico. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -