Welfare E-R: Pdl, garantire assegno sociale a stranieri congiunti solo dopo 19 anni 6 mesi e 1 giorno

Bologna, 14 mar – Equiparare, ai fini della fruizione dell’assegno sociale, i familiari ricongiunti (titolari del permesso di soggiorno) ai cittadini italiani a condizione che abbiano soggiornato legalmente, in via continuativa, per almeno diciannove anni, sei mesi e un giorno nel territorio nazionale e che presentino documentazione idonea a dimostrare la sussistenza nel paese di origine delle condizioni reddituali richieste, accertate da parte delle rappresentanze diplomatiche o consolari del paese stesso.

Questo il contenuto della proposta di legge, composta di un solo articolo, presentata dak consiglierw  regionali dell’Emilia-Romagna Luigi Giuseppe Villani (Pdl), per chiedere una modifica al Decreto legislativo 286/98 ‘Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero’.

Secondo quanto comunica la regione Emilia-Romagna, i firmatari ritngono che ”per lo straniero ricongiunto, l’attuale sistema non garantisce, in alcun modo una certa ed adeguata valutazione anche degli eventuali redditi nel Paese di origine. Per ovviare a questa iniquita’ si propone, quale condizione per la concessione dell’assegno ai genitori dello straniero che abbiano ottenuto il ricongiungimento familiare, l’accertamento della situazione reddituale nello Stato di provenienza”.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -