Pizzetti, garante privacy: nuove norme su controlli fiscali sono forte strappo allo stato di diritto

13 marzo – Le nuove norme sulla trasparenza amministrativa nei controlli fiscali rappresentano ”strappi forti allo Stato di diritto”. Lo ha detto il Garante per la privacy, Francesco Pizzetti, aggiungendo che ”e’ una fase di emergenza dalla quale uscire al piu’ presto” altrimenti ”lo spread fra democrazia italiana e occidentali crescerebbe”.

“Finora, noi potevamo assicurare alle imprese e alle persone giuridiche un alto livello di protezione. Oggi tutto questo non è più possibile”, ha detto Pizzetti, definendo “un errore” la scelta di ridurre l’applicabilità del codice per la privacy contenuta nel ‘decreto Sviluppo’ e nel ‘Salva Italia’.

IMPRESE E COMMERCIO – Poi c’e’ la questione delle imprese. “Mentre sono aumentate le richieste di cooperazione da parte degli operatori pubblici, tra gli operatori privati è rimasta alta la diffidenza nei nostri confronti. I recenti provvedimenti, che hanno ridotto il nostro ruolo rispetto alle attività delle imprese e quelli adottati per favorire le telefonate promozionali non richieste ne sono testimonianza”, ha aggiunto. “Attenzione alle liste dei buoni e dei cattivi. Attenzione ai bollini di qualunque colore siano. Le vie dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni“, ha affermato Pizzetti, riferendosi alle ultime norme e proposte per i commercianti non in regola con il fisco.

‘GOGNE MEDIATICHE’ – “La gogna, in qualunque forma, materiale o mediatica che sia, è sempre uno strumento pericoloso, anzi pericolosissimo”. Lo ha detto il presidente del Garante per la privacy Francesco Pizzetti. “Nessuno, in una società democratica – ha aggiunto -, potrà mai chiedere e ottenere di porre limiti al diritto dei giornalisti di sapere, conoscere e informare. Ma il loro stesso codice deontologico contiene regole chiare sulla necessità di rispettare i principi di essenzialità delle informazioni, di tutelare i minori, di rispettare la dignità delle persone, specialmente nell’ambito sanitario e sessuale”. “Accade spesso – ha proseguito – anche che i protagonisti dei fatti di cronaca e i loro familiari si espongano senza limiti a un’informazione mediatica che diventa dichiaratamente spettacolo puro. Purtroppo in questi casi, prima del diritto e dello stesso Codice deontologico dei giornalisti, è il buon gusto e talvolta persino il senso di umana pietà che dovrebbe guidare i media. Non sempre avviene così e non sempre soltanto per il comportamento dei professionisti dell’informazione”.

TELEMARKETING ‘AGGRESSIVO’ CON NUOVE NORME – “Nel corso del 2011 nel nostro mondo economico si è manifestata una spinta a un telemarketing sempre più aggressivo”. Lo ha detto il presidente dell’Autorità Garante per la Privacy, Francesco Pizzetti, nel discorso di conclusione dei sette anni di mandato. “Si sono introdotte modifiche legislative – ha proseguito – che hanno consentito di passare dal consenso espresso, come condizione per poter inviare pubblicità telefonica all’attuale sistema basato sul Registro delle opposizioni. A molti mesi dall’entrata in vigore del nuovo sistema possiamo dire che esso non funziona. Le segnalazioni dei cittadini hanno ormai raggiunto un ritmo giornaliero preoccupante. Una maggiore attenzione ai nostri avvertimenti sarebbe stata opportuna. Un’eccessiva aggressività commerciale che si trasforma in prepotenza e danneggia anche le imprese”. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -