Truffa aggravata ai danni dello Stato, in carcere l’imprenditore Caltagirone

6 mar.  – Sono rinchiusi nel carcere di Imperia, in attesa degli interrogatori di garanzia, l’imprenditore romano Francesco Bellavista Caltagirone e l’ex direttore della Porto di Imperia Spa, Carlo Conti, che erano stati fermati ieri mattina, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare della Procura del capoluogo, nell’ambito di una tranche dell’inchiesta sul nuovo scalo turistico della cittadina ligure. Nel filone principale dell’indagine, che era stata avviata nel 2010, era stato iscritto nel registro degli indagati anche l’ex ministro Claudio Scajola.

Caltagirone, presidente del Gruppo immobiliare Acqua Marcia che detiene il 33% delle azioni della Porto di Imperia Spa, società a cui è stata affidata la realizzazione e la gestione del porticciolo, è accusato di concorso in truffa aggravata ai danni dello Stato per un importo di diverse centinaia di migliaia di euro. Nel filone dell’indagine che ha portato al fermo del noto costruttore e dell’ex direttore della Porto d’Imperia Spa sarebbero indagate anche altre persone ma “nessun parlamentare” come precisato dal procuratore capo di Imperia, Giuseppa Geremia.

L’imprenditore 73enne è stato fermato poco dopo le 10 dalla polizia postale all’interno della sede del Comune di Imperia, dove era atteso dal sindaco Paolo Strescino per un incontro. tmnews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -