“Boni, quelli della Lega!” Dopo anni di “celodurismo”, Sarebbe come dire, “Ho le prove che Bossi e gay”.

MILANO 6 Mar – Se fossero vere le tangenti arrivate alla Lega tramite il collettore Davide Boni, presidente del consiglio regionale lombardo, potrebbe venir giù anche il ciborio.

“Boni, quelli della Lega!” sarebbe il tormentone della campagna elettorale.
Saranno comunque cavoli amari, a meno che la procura non abbia in
mano armi sufficienti per sostenere la tesi delle tangenti riscosse da Boni.
E non sarebbe la prima volta.
La verità emergerà fra qualche anno, come magistratura docet.
Alle amministrative potrebbe essere un bagno di sangue.
Sarebbe come se, dopo anni di “celodurismo”, saltasse fuori qualcuno a dire: “Ho le prove che Bossi e gay”.

guglielmo donnini



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -