Ricerca: Emilia Romagna finanzia 3 progetti universita’ modenese

Modena, 2 mar. – L’Universita’ degli studi di Modena e Reggio Emilia sara’ capofila di 3 degli 11 progetti finanziati dalla Regione Emilia Romagna con risorse del Fondo Sociale Europeo attraverso il Consorzio Spinner, che perseguono l’obiettivo di valorizzare l’investimento regionale nei settori strategici per il territorio e facilitare le opportunita’ di inserimento lavorativo di giovani altamente qualificati, rafforzando la collaborazione tra atenei.

I progetti modenesi-reggiani selezionati sono: il progetto di Elisa Molinari su ‘Nanoscienze: materiali e strategie emergenti per tecnologie sostenibili‘, quello di Maddalena Rossi su ‘Alimenti funzionali e nutracetica applicati alla salute dell’uomo: bifido batteri probiotici, prebiotici ed attivazione di phytochemicals’ e quello di Luca Zanni che vertera’ su ‘Applicazioni in ambito biomedico e socio sanitario di problemi inversi di grande complessita”.

Tutti i progetti che hanno superato la selezione hanno un carattere multicentrico e coinvolgono ricercatori operanti su diverse sedi. Complessivamente l’iniziativa, per la quale avevano avanzato domanda di finanziamento 67 concorrenti, mobilitera’ risorse per 1 milione e 846mila euro. Lo stanziamento regionale consentira’ l’assegnazione di 38 borse di dottorato triennali del valore di 48.600 euro ciascuna destinate ai ricercatori coinvolti nel vari progetti, che verranno cosi’ suddivise: 8 a Modena e Reggio Emilia, 13 a Bologna, 9 a Parma, 7 a Ferrara e 1 alla sede piacentina del Politecnico di Milano. L’ateneo di Modena e Reggio Emilia, pertanto, tra il gennaio 2012 ed il dicembre 2014 per i suoi ricercatori ricevera’ 388.800 euro, corrispondenti al 21,06 per cento della somma a disposizione.

“Sono molti i motivi di soddisfazione per le decisioni regionali”, ha commentato il Rettore Aldo Tomasi. “Prima di tutto per il criterio altamente selettivo adottato dalla Regione nella valutazione – ha aggiunto – la qual cosa attribuisce ancora piu’ merito alla qualita’ dei singoli prog! etti approvati. In secondo luogo Unimore, che coordinera’ 3 degli 11 progetti finanziati, dimostra di poter fare affidamento su ricercatori molto validi e competitivi a tutti i livelli. In terzo luogo credo vada valorizzato il fatto che i beneficiari saranno giovani ricercatori”.

In accordo poi con la Fondazione Marco Biagi, Spinner 2013 ha inoltre finanziato altre due borse di ricerca per altrettanti percorsi di dottorato, dedicate alla memoria dell’onorevole Paola Manzini, l’assessore regionale alla Scuola e formazione professionale scomparsa nel 2009. Un progetto di ricerca analizzera’ gli indicatori di benessere collettivo con un approccio trasversale agli ambiti di psicologia, sociologia, filosofia ed economia, mentre il secondo studiera’ l’evoluzione delle professioni e degli ordini in correlazione allo sviluppo del territorio. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -