Obama aumenta le tasse e i deficit

NEW YORK 24 Feb – di Alessandra Nucci – Al suo ultimo anno di mandato il presidente americano, Barack Obama, ha finalmente presentato un budget, il preventivo per l’anno fiscale 2013, mettendo fine a mille giorni di vuoto su questo versante. Ma è stato sommerso da un coro di
fischi, anche dalla sua stessa parte politica.Più o meno la stessa cosa era successa nel febbraio 2011 quando il senato, dominato dai democratici, aveva bocciato il budget di Obama con 97 voti su 100.

I vari commentatori del Washington Post (NYSE: WPOnotizie) , un quotidiano che di norma si colloca dalla parte del presidente, definiscono le proposte di Obama come irresponsabili, imbarazzanti, ridicole e avulse dalla realtà. Ironizza Ed Rogers: «Nessuno dovrebbe dichiararsi del tutto deluso, visto che a nessuno viene detto di no. Anche a noi, fanatici dello sviluppo, Obama promette una crescita del 3% nel 2013, arrivando fino al 4,1% entro il 2015. Ma non viene data alcuna spiegazione razionale per questi numeri.
Compaiono dal nulla aumenti del pil, nonostante le botte assestate all’economia
con aumenti esponenziali delle tasse. Evidentemente il presidente pensa che
esista un aumento delle tasse capace di stimolare la crescita».

Quanto alla parte avversa, praticamente tutti i repubblicani a capo di qualcosa alla Camera e al Senato […….]

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -