Prestito di 130 miliardi e Grecia ‘commissariata’ da Eurogruppo. Monti: l’Europa funziona

21 feb. – I ministri delle Finanze dell’eurozona hanno trovato un’intesa per concedere ad Atene il secondo pacchetto di aiuti da 130 miliardi di euro necessario per evitare il suo fallimento. “Abbiamo raggiunto un ampio accordo sul nuovo programma per la Grecia e sul coinvolgimento del settore privato che porterà a una significativa riduzione del debito e aprirà la strada a una somma senza precedenti per un nuovo finanziamento ufficiale per assicurare il futuro della Grecia nell’area euro”, ha annunciato in una conferenza stampa poco dopo le 5 del mattino il presidente dell’Eurogruppo Jean-Claude Juncker.

In cambio, ha spiegato il commissario europeo agli Affari economici e monetari Olli Rehn, Atene ha dovuto accettare il rafforzamento della sorveglianza sull’attuazione delle misure di austerity, così come richiesto da Olanda e Germania. “Il piano di salvataggio della Grecia – ha detto Rehn – si basa su una stretta condizionalità: si prevede di rafforzare la sorveglianza su Atene e di imporre una presenza permanente della missione in loco della Commissione europea” incaricata di verificare l’attuazione delle misure per rimettere in ordine le finanze pubbliche.

In base all’accordo raggiunto a Bruxelles, il debito greco sarà ridotto entro il 2020 dall’attuale 160% al 120,5%, lo 0,5% in più dell’obiettivo finora fissato, ma che si riteneva non sarebbe più stato centrato solo con i 130 miliardi del pacchetto. Per questa ragione, i creditori privati sono stati chiamati a uno sforzo supplementare, accettando dopo negoziati durissimi e pressioni fortissime una perdita del 53,5% (finora era del 50%) del valore nominale dei bond greci in loro possesso. Nell’accordo per salvare Atene è intervenuta anche la Bce.

Secondo quanto si legge in una nota dell’Eurogruppo diffusa al termine della riunione, la Banca centrale europea trasferirà i suoi profitti sui bond greci acquistati negli ultimi due anni nell’ambito del ‘securities market program’ alle banche centrali nazionali, che a loro volta li passeranno ai governi perché possano trasferirli ad Atene “per migliorare ulteriormente la sostenibilita’ del debito pubblico greco”.

Tutti i Paesi membri dell’eurozona hanno poi accettato “un’ulteriore riduzione retroattiva dei tassi di interesse” del prestito alla Grecia, che, riferisce l’Eurogruppo, ha accettato di creare “un meccanismo che consenta un migliore monitoraggio” dei finanziamenti ottenuti e di quelli “generati all’interno”: si tratta di quel conto bloccato su cui da settimane insisteva la Germania, sul quale Atene dovrà versare gli interessi sui nuovi prestiti, destinati prioritariamente a ripagare il debito.

“Siamo molto soddisfatti”, ha commentato il premier greco Lucas Papademos al termine della maratona negoziale. In cambio, ha assicurato, “dobbiamo attuare il programma in modo efficace e tempestivo” e il governo “è determinato a farlo”.

Di un “bel risultato”, che dimostra come l’Europa sia “anche in grado di funzionare” parla il premier Mario Monti.

L’accordo raggiunto dall’Eurogruppo sulla Grecia è “molto buono” anche per il presidente della Bce, Mario Draghi. Ciò detto, il presidente della Bce ha sottolineato come sia “naturalmente molto importante che le principali forze politiche in Grecia sostengano gli impegni presi stanotte dal premier e dal ministro delle Finanze”. E, infine, ha concluso, “e’ molto, molto importante che l’attuazione del programma sia correttamente monitorata”. (Adnkronos)

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -