UE, SI’ a frutta, verdura e prodotti ittici dal Marocco: Insorgono agricoltori Sud

Condividi

 

17 febbr – Il parlamento europeo dice sì all’aumento delle quote di scambio di prodotti agricoli e ittici dal Marocco con dazi bassi o pari a zero. E in Italia insorge il mondo agricolo. In particolare sono gli agricoltori del Mezzogiorno a protestare contro questa decisione, su cui per la verità l’assemblea di Strasburgo si è divisa con 369 sì, 225 no e 31 astensioni.

L’accordo, che entrerà in vigore dal prossimo primo maggio, prevede l’annullamento delle tariffe doganali sul 55% dei prodotti agricoli e della pesca marocchini a fronte di una riduzione del 70% in dieci anni dei dazi su frutta, verdura e pesce dell’Unione Europea. Per gli agricoltori siciliani il rischio ora è di veder sbarcare sui propri mercati arance a 17 centesimi al chilo o limoni a 15 centesimi, mettendo fuori concorrenza la produzione isolana. “Uno scenario devastante” secondo la Coldiretti siciliana.

Le proteste degli agricoltori non solo siciliani ma di tutt’Europa sono giunte a Strasburgo che ha previsto misure di salvaguardia per prodotti sensibili, come fragole, pomodori, cocomeri e aglio. Ma gli agrumi per ora non sono contemplati. tmnews

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -