De Benedetti (gruppo editoriale L’Espresso): basta finanziamenti ai giornali ‘morti’

Condividi

 

16 feb. – “Per cortesia togliamo il finanziamento all’editoria che non sta in piedi da sola. In un momento di difficolta’ del Paese non si tengono in piedi i morti, poi c’e’ puzza di cadavere”. Cosi’ il presidente del gruppo editoriale L’Espresso, Carlo de Benedetti a margine della letio magistralis “Essere imprenditori oggi nella facolta’ di Economia a Palermo rispondendo a chi gli chiedeva sulla opportunita’ di mantere i contributi statali all’editoria.

Secondo De Benedetti, “si dovrebbero togliere tutti i finanziamenti pubblici ai giornali che poi finiscono in violazioni e abusi. Ritengo -ha concluso- che bisogna lasciare campo libero all’editoria sana, i partiti se la paghino loro, hanno gia’ il rimborso elettorale. Non si capisce perche’ dobbiamo pagare ancora per i giornali di partito“. Per quanto riguarda l’intervento di Celentano a Sanremo, Debenedetti ha affermato che “L’idea di chiudere alcuni giornali e’ una cosa di cattivo gusto perche’ chiuderli e’ contro la liberta’ di stampa che lui invoca. E’ un errore, e’ una smargiassata”.

“Fare l’imprenditore oggi significa essere preparati, aver coraggio e aprirsi al mondo. La recessione c’e’, sara’ profonda e alla fine passera’ ma questa non si esaurira’ velocemente. E’ una recessione strutturale che durera’ a lungo. Proprio per questo bisogna guardare al resto del mondo perche’ non ha piu’ significato fermarsi ai confini italiani”. agi

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -