Anche in Portogallo manifestazioni contro i tagli

“No alla disoccupazione e alla precarietà”, gridavano le decine di migliaia di persone che hanno invaso le vie di Lisbona, per una protesta di dimensioni mai viste da decenni. 100.000 secondo la polizia, 300.000 secondo i sindacati:

“Siamo qui per protestare contro lo sfruttamento, la disuguaglianza e la povertà. È quello che stanno dando al Paese le troika, l’FMI, la BCE e l’Unione europea, con il coordinamento del governo portoghese”

In cambio dei 78 miliardi di prestito del maggio scorso, il governo ha varato drastici tagli a stipendi e pensioni, alla spesa sociale, agli investimenti, ai lavori pubblici, e nel contempo aumentato le tasse e le tariffe di luce gas e trasporti. Un impoverimento evidente anche tra i manifestanti:

“Con questi tagli io ho 500 euro, ho avuto due attacchi, vorrei sistemare i denti ma non ho soldi, mia moglie è disoccupata, sono qui per questo: vivo con 500 euro per pagare l’affitto e tutto”

Il Portogallo ha rispettato gli impegni presi con Bruxelles ma paga con una recessione al 3%, un ulteriore impoverimento della popolazione più povera dell’Europa occidentale, e se Angela Merkel ha parole d’elogio per i passi fatti i mercati, dal canto loro, scommettono sul default. Subito dopo quello greco. euronews



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -