Cina, le autorità bloccano le vendite dell’imene artificiale

Condividi

 

Stop al mercato online dopo il boom di richieste della membrana che “garantisce” la verginità. Lo hanno deciso le autorità di Pechino, vietandone la vendita online dopo che un team di esperti ha dichiarato pericolosa la membrana a causa di alcune sostanze tossiche. L’oggetto era studiato per rilasciare liquido rosso nel momento del rapporto, “garantendo” la verginità della donna.

La notizia ha scatenato molte reazioni, soprattutto di ragazze che ora temono per il loro futuro, in una società che in molte zone del Paese non accetta il sesso prematrimoniale. L’imene artificiale è una sorta di membrana gelatinosa che permette di fingere la rottura dell’imene vero. Sulla confezione, c’è scritto che il prodotto non solo ‘ripristina il divertimento nel matrimonio delle donne’, ma anche che ‘previene infezioni batteriche, elimina gli odori, promuove il metabolismo delle donne, migliora la vita sessuale e migliora la qualità della vita coniugale’.

Gli accertamenti, invece, hanno evidenziato che sarebbe proprio l’oggetto tanto desiderato dalle donne a causare infezioni nell’apparato sessuale.  Le centinaia di richieste si stanno spostando ora sul mercato nero, dove i divieti della vendita online sono bypassati senza scrupoli. L’imene artificiale era venduto sul portale commerciale più famoso di Cina, Taobao, a 37 yuan, circa 4 euro, più le spese di spedizione.

tgcom

Condividi l'articolo

 



   

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -