Grazie a Gianluca Pini (Lnp), ok a responsabilità civile magistrati. Dopo voto briefing di Nonno Mario-Bersani-Casini-Alfano.

ROMA 3 FEB – Duecentosessantaquattro sì, 211 no e un astenuto. Sono i numeri con i quali il governo va sotto su un emendamento alla legge comunitaria di cui è autore Gian Luca Pini della Lega Nord, che introduce la responsabilità civile per i magistrati.

Nulla di grave, almeno se letta nell’ottica della ‘mission’ del Governo chiamato a mettere in ordine i conti pubblici. Ma l’incidente a Montecitorio mette in luce una preoccupante spaccatura nella maggioranza che sostiene l’esecutivo Monti e una ritrovata convergenza tra Pdl e Carroccio. Un dato che spinge il premier a ‘convocare’ i rappresentanti dei partiti che sostengono il governo per una cena informale a Palazzo Chigi, nella quale Monti ha voluto esprimere la sua preoccupazione per quanto avvenuto. Insomma, il premier sembra voler fare il tagliando alla sua maggioranza: desidera compattezza in vista dei prossimi voti sui provvedimenti per le liberalizzazioni e le semplificazioni e, in prospettiva, per quello più complicato sulla riforma del mercato del lavoro. Presso la sede del governo giungono Pier Luigi Bersani, Pier Ferdinando Casini e Angelino Alfano. Quest’ultimo, in realtà, era già a colloquio con il capo del governo insieme a Maurizio Sacconi, ai presidenti del Pdl alla Camera e al Senato, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Gasparri: un incontro sull’agenda europea e, alla presenza dell’attuale ministro Elsa Fornero, sulla riforma del lavoro. L’ex ministro Sacconi avrebbe condiviso la linea del governo, invitando a proseguire con la stessa celerità con cui ha proceduto sulle liberalizzazioni.

Alla cena a palazzo Chigi si unisce anche il ministro Moavero. L’esito del voto sulla responsabilità civile dei magistrati ha allarmato l’esecutivo. Monti, viene riferito, avrebbe sottolineato che, dopo i sacrifici chiesti al Paese e l’impegno già profuso in Europa, si deve continuare a non abbassare la guardia e proseguire lungo il cammino tracciato con i provvedimenti già presentati dal governo. Avrebbe perciò chiesto rassicurazioni in vista dei voti sulle liberalizzazioni e sulle semplificazioni. Un discorso, viene riferito, rivolto principalmente al Pdl. Il Popolo della Libertà, infatti, è accusato dal Pd di aver riallacciato una sospettosa intesa con la Lega: il voto di oggi ne sarebbe la prova. Alfano, dal suo canto, avrebbe garantito che “la fiducia nell’esecutivo non è in discussione” ma anche che “il Pdl non può mettere in discussione alcune linee fondamentali come quelle sulla giustizia”. Insomma, l’appoggio all’emendamento leghista non avrebbe una connotazione politica ma di merito. Nessuna sorpresa per il futuro da parte del Pdl ma a patto che il governo informi i partiti passo dopo passo.

GUARDA IL VIDEO: http://www.youtube.com/watch?v=agnGXKWETqs

Nella foto, L’On.Gianluca Pini riceve da Armando Manocchia il “Premio Oriana Fallaci”

 

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -