Monti: ‘Posto fisso è monotono, i giovani si abituino ad accettare le sfide’

ROMA, 2 Feb  – ”Non e’ un tabu’. L’articolo 18 puo’ essere pernicioso per lo sviluppo dell’Italia”. Insomma, senza riforma del lavoro gli sforzi del governo per rilanciare il paese rischiano di rimanere incompleti e questo Mario Monti vuole assolutamente evitarlo. Cosi’ il premier, prima al Tg5 e poi a Matrix, si rivolge direttamente ai cittadini per annunciare l’intenzione di mettere mano alla politica del lavoro, anche a costo di dover intervenire sulle regole di licenziamento. Si’, perche’ l’articolo 18 per il premier ha determinato ”un terribile apartheid nel mercato del lavoro tra chi e’ gia’ dentro e chi, giovane, fa fatica ad entrare”. I giovani pero’ devono ”abituarsi all’idea di non avere piu’ il posto fisso a vita: che monotonia – afferma – E’ bello cambiare e accettare delle sfide”.     La linea dell’esecutivo e’ non aprire ‘tout court’ alla concertazione con i sindacati, che d’altronde escludono qualsiasi ipotesi di modifica dell’articolo 18. Ma va avviato un confronto ”in tempi brevi”. Insomma, si’ al dialogo ma su tutto. L’intenzione e’ chiudere in una sessantina di giorni per dare una ‘svolta’ al paese e far ripartire la crescita.     Per Monti alcune eredita’ del passato, infatti, rischiano di imbrigliare l’Italia, penalizzando proprio i giovani. Per creare spazio occorre pero’ spingere ancora sulle liberalizzazioni perche’ – avvisa il premier – ”se prevarranno le resistenze corporative, gli italiani devono sapere che i tassi di interesse non solo non scendono ma ritorneranno verso l’alto”. Per ora pero’ il professore si gode l’ennesimo calo dello spread registrato oggi: ”Deve scendere ancora e scendera’ – rassicura – E’ una variabile che ha polarizzato anche troppo l’attenzione” ma ”ormai ha una tendenza decrescente”.    Il capo del governo parla direttamente agli italiani anche per illustrare l’accordo fiscale di Bruxelles. Il vincolo del debito – spiega – ”certamente e’ severo ma non impossibile se saremo capaci di tornare a far crescere di piu’ il Paese”. Crescita alla quale sono chiamati tutti a contribuire: ”L’Italia dispone di capitale pubblico – sottolinea Monti – ma dispone di grande capitale umano che non sempre e’ stato valorizzato”. L’idea e’ sempre quella di aprire il mercato del lavoro e insistere sulle liberalizzazioni. Quanto alle privatizzazioni, di cui molto si e’ discusso in questi giorni, il capo del governo rimarca che sono solo ”una possibilita”:   ”Il governo non ha messo come priorita’ le privatizzazioni – precisa – anche perche’ nel passato si e’ stati costretti a privatizzazioni non sempre fatte nel modo migliore”.    Se da un lato ‘avverte’ le parti sociali e dall’altro chiede un cambio di passo agli italiani, Monti non dimentica pero’ di rivolgersi anche ai suoi piu’ stretti interlocutori: i partiti politici che lo sostengono. E non a caso spiega che per lui ”nel 2013 si chiude una parentesi” rivolgendo un nuovo e deciso apprezzamento a Silvio Berlusconi e al suo aperto sostegno al governo. ”Trovo che l’appoggio che di da’ Berlusconi sia fondamentale. Come fondamentale il Cavaliere e’ stato nella vita di Monti: ”Se mi sono avvicinato alla cosa pubblica – rivela – e’ perche’ nel 1994 Berlusconi, appena nominato presidente del Consiglio, mi ha chiesto se volevo fare il commissario europeo”

Condividi l'articolo

 



   

2 Commenti per “Monti: ‘Posto fisso è monotono, i giovani si abituino ad accettare le sfide’”

  1. Possibile che siamo sempre a piangere? Questi giovani devono darsi una mossa …. che ce vo’ ..per un paio di anni fai il commissario UE , poi fai il ministro per qualche mese … se ti va male Napolitano ti nomina senatore a vita … ed alla pensione neanche ci pensi più … che te frega dell’art 18 ?
    Poi per male che ti vada ti compri 2 o 3 televisioni , oppure metti su una aziendina tipo Microsoft , o vai all’Est a produrre scarpe “made in Italy)” , oppure ti iscrivi nel PD e scappi con la cassa ( tanto non se ne accorge nessuno … sono tutti impegnati a farsi i … fatterelli loro!
    Siamo caduti dalla “gnocca nella passera” … e c’è poco da ridere!

  2. Ecco l’ennesima sortita che cade come un macigno sulla testa dei giovani. A buttarla sulla testa è prorio questo qui, dall’alto del suo esagerato potere che tanto-i-soldoni-suoi-non-gliegli-toglie-più-nessuno-per-tutta-la-vita-alla-facciazza-del-posto-fisso-che-monotonia-bisogna-abituarsi-a-cambiare.
    HA GIA’: leggo bene “I GIOVANI devono abituarsi a cambiare”, e si, mica lui no?
    Bhe, vorrei tentare di esprimere nel modo più gentile ed elegante possibile, per quanto eufemistico sia vista la rabbia che monterà dentro a parecchi, il pensiero di chi vorrebbe, prima di andarsene da questo mondo, i suoi figli con un lavoro sicuro, senza dover pensare a che cosa faranno tra tre mesi, e poi dopo altri sei, e poi dopo due anni, e poi ancora dopo otto mesi, e ancora dopo altri quattro e così via per tutto il resto della loro vita. Per tutti quei giovani che studiano con impegno perchè vorrebbero farsi una famiglia diciamo così come glielo abbiamo insegnato noi, diciamo con il loro lavoretto quotidiano, con tutto in regola e non dico con tanti soldi ma con ciò che basta per vivere dignitosamente e dedicarsi ad altro che non sia pensare a cosa fare il giorno dopo, magari diventando schiavi degli aguzzini delle banche, per tutta la vita. Bene, avrei una domanda sebbene retorica per il Professor Monti: Professore, noi siamo Italiani….ma lei chi è?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal


FIGO - Free Intelligent Go

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -