Egitto, Fratelli Musulmani accusano: 70 morti, scontri di Port Said ‘pianificati’

2 feb – E’ di 74 morti e 248 feriti, secondo una stima del ministero degli Interni egiziano, il bilancio delle violenze scoppiate ieri a Port Said, in Egitto, al termine della partita di calcio tra Al-Ahly e Al-Masri.

Secondo i testimoni, i tifosi dell’Al-Masri hanno invaso il campo al termine dell’incontro e scatenato il panico, bersagliando i supporter avversari con lanci di bottiglie, pietre e razzi. Le violenze sono continuate anche fuori dall’impianto, sulla strada che collega Port Said al Cairo, rendendo necessario l’intervento dell’esercito per placare la guerriglia.

Il primo ministro Kamal al-Ganzuri ”ha diretto una riunione d’urgenza” del suo gabinetto ”per discutere degli avvenimenti di Port Said”. Il leader dei Fratelli musulmani, Essam al-Erian, in un comunicato, ha accusato i sostenitori dell’ex presidente Mubarak.

”Gli eventi di Port Said sono stati pianificati e sono un messaggio da parte dei nostalgici dell’ex regime”, si legge nella nota pubblicata sul sito del partito islamista Liberta’ e Giustizia.

”Questa tragedia e’ il frutto della negligenza delle forze dell’ordine e dell’esercito”, continua la nota. ”Alcune persone vogliono deliberatamente gettare nel caos il Paese e ostacolare il processo pacifico di transizione dei poteri”. asca



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2018 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -