Denuncia: “Studiosi rovinano mummia bimba in catacombe Palermo”

Palermo, 31 gen. – Uno dei misteri piu’ tristi e affascinanti di Palermo diventa oggetto di un procedimento penale: la sorella ottantaseienne della bambina mummificata, i cui resti sono custoditi nelle catacombe dei Cappuccini, meta ogni anno di decine di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo, ha denunciato gli studiosi che avrebbero provocato il deterioramento della salma imbalsamata, conosciuta come la “Bella addormentata”.

La mummia diventa dunque oggetto di querelle giudiziaria, adesso in mano al Gip Lorenzo Matassa, che dovra’ valutare se veramente, come sostiene Rosalia Lombardo, sorella e omonima della bimba morta nel 1920, all’eta’ di due anni, la salma “conservata per l’eternita’” dall’imbalsamatore Alfredo Salafia, sia stata deteriorata e alterata a causa di un intervento effettuato dagli studiosi di un istituto di Bolzano, l’Eurac, ripreso dalle telecamere di National Geographic.

La denuncia della Lombardo, secondo la Procura di Palermo, e’ da archiviare, ma l’anziana donna ha presentato richiesta di opposizione e adesso il giudice Matassa dovra’ valutare il da farsi: potrebbe chiudere il caso, disporre nuove indagini o imporre la formulazione del capo d’imputazione. Dal 2009 la mummia della piccola Rosalia e’ stata collocata in una culla “hi-tech” di vetro e di acciaio: l’anziana Rosalia sostiene di essere stata tratta in inganno, perche’ nessuno le avrebbe spiegato i guasti irreparabili che il procedimento avrebbe potuto provocare (e che secondo lei avrebbe provocato) e inoltre alcuni interventi sarebbero stati svolti prima che lei desse l’autorizzazione.

L’assoluta necessita’ di interventi urgenti e indispensabili a mantenere nel tempo la mummia di Rosalia e altre, custodite nelle catacombe, fu rappresentata dallo studioso messinese Dario Piombino Mascali, che ha curato gli interventi. Un lavoro che, secondo la Lombardo superstite, avrebbe danneggiato la sorellina bella addormentata, su cui lei ritiene di avere diritti specifici: e cosi’ il visetto dolce e sereno si sarebbe trasformato in una faccina tumefatta e sofferente. Piombino Mascali ha sempre sostenuto di non avere ingannato nessuno e di avere chiarito tutto prima ai familiari, circa l’assoluta necessita’ e urgenza di procedere. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -