Afghanistan, partorisce la terza femmina: marito e suocera la strangolano

Strangolata dal marito e dalla suocera. La colpa? Aver partorito una bambina, la sua terza figlia femmina, nonostante gli ‘avvertimenti’ dell’uomo che aveva sposato e che voleva a tutti i costi un primogenito.

Per questo motivo una donna di 30 anni, Storay, è stata uccisa in un remoto villaggio della provincia di Kunduz, nell’Afghanistan settentrionale. “Storay, madre di tre bambine, è stata strangolata dal marito e dalla suocera in un villaggio del distretto di Khanabad”, ha affermato all’agenzia d’informazione ‘Dpa’ il portavoce della polizia, Sayed Sarwar Hussaini.

Il marito le aveva detto che se avesse partorito un’altra bambina l’avrebbe uccisa – ha aggiunto Hussaini – Abbiamo arrestato la suocera di Storay e stiamo cercando anche il marito che è fuggito”. La storia di Storay è solo l’ultimo di una serie di episodi che mette in luce gli abusi di cui sono spesso vittime le donne afghane, in particolare quelle che abitano nei villaggi e nelle zone rurali.

Il mese scorso una ragazza è stata ritrovata dalla polizia dopo che i suoi parenti acquisiti l’avevano torturata e rinchiusa in un bagno per sei mesi perché si era rifiutata di prostituirsi. Un rapporto delle Nazioni Unite del 2010 ha sottolineato che circa un terzo delle donne afghane sono soggette a violenze di tipo fisico o psicologico, mentre il 25% è vittima di abusi sessuali. adnkronos



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -