Manifestazioni, il 29 febbraio verso primo sciopero generale europeo

Manifestazioni in tutti i Paesi della Ue il 29 febbraio e quindi in primavera, se si riuscira’ a trovare una modalita’ comune, il primo sciopero generale europeo. Sono queste le mosse decise e discusse oggi a Bruxelles dal Ces, la Confederazione dei sindacati europei, per far fronte all’ondata di austerita’ che si abbatte sul vecchio continente producendo disoccupazione e peggioramento delle condizioni salariali ed occupazionali.

”I sindacati europei si mobilitano per dire ‘quando e’ troppo e’ troppo”‘, ha affermato la segretaria generale della Ces Bernadette Segol presentando la ”giornata di azione europea” che si terra’ l’ultimo giorno di febbraio, nell’immediata vigilia del Vertice Ue chiamato a chiudere il nuovo Trattato intergovernativo sulla disciplina di bilancio. ”Quel Trattato istituzionalizza l’austerita’ e riduce i margini di negoziazione sindacale a livello nazionale ed in ogni impresa”, e’ l’opinione di Bernard Thibault della Cgt francese.

”Ogni aumento salariale – continua – o miglioramento delle condizioni di lavoro verra’ misurato sugli impegni di contenimento della spesa indicate da quel Trattato”. Quanto ai problemi legati proprio al dialogo sociale, la segretaria generale Segol ha speso parole sugli ultimi problemi registrati in Italia tra governo e sindacati. ”Il dialogo via mail – ha affermato – non e’ il dialogo di cui vogliamo far parte”. Rimanendo in Italia ed andando alle azioni previste per il 29 febbraio, Luca Visentini, segretario confederale della Ces, assicura che ”Cgil, Cisl e Uil si confronteranno a breve per valutare come e dove verranno tenute le manifestazioni”.

”Dall’Italia – ha poi continuato Visentini a margine della conferenza stampa – e’ emersa anche la richiesta molto forte di organizzare il primo sciopero generale europeo dopo il Vertice Ue di marzo”. Da anni nella Ces si parla di questa azione sindacale, ma fino ad ora non era stato possibile trovare un’intesa tra le delegazioni, viste le differenti tradizioni in fatto di sciopero. Ora, vista l’entita’ della crisi e il tipo di risposta che stanno mettendo in campo i governi, l’idea potrebbe fare finalmente strada. La delegazione italiana ha infatti gia’ incassato l’appoggio delle potenti confederazioni francesi e spagnole. Invece della ricetta di austerita’ promossa dalla Germania, i sindacati chiedono iniziative per la crescita, un ruolo piu’ attivo della Bce, eurobond ed aumento della dotazione del fondo salva stati. (ANSA)  .



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -