Eurispes: Gli italiani sono depressi, il Paese e’ bloccato

26 gen. – L’Italia vive un generale “senso di depressione”, e la responsabilita’ e’ di tutti. Classe dirigente e societa’, per coprire a vicenda i propri interessi, hanno siglato tra loro una sorta di patto di non belligeranza che di fatto blocca il Paese.

E’ quanto sostiene l’Eurispes nella premessa al Rapporto 2012 che viene pubblicato oggi. Secondo il presidente dell’istituto di ricerca, Gian Maria Fara, la crisi che sta attraversando il Paese “mette in discussione le certezze e i risultati raggiunti dalla societa’ italiana nel corso degli ultimi decenni”.

Il Paese – afferma Fara – vive un generale senso di depressione che attraversa tutte le classi sociali: i poveri perche’ vedono allontanarsi la possibilita’ di migliorare la loro situazione economica; i ceti medi perche’ hanno paura di una progressiva proletarizzazione; i ricchi perche’ si sentono criminalizzati e hanno persino timore di mostrare il proprio status”. La responsabilita’ appartiene quella che Fara definisce “la classe dirigente generale” della quale fanno parte imprenditori, elites culturali, manager pubblici e privati; sindacalisti, i grandi commis dello Stato, magistrati, professori, uomini dell’informazione e della ricerca.

“Una classe dirigente generale che dovrebbe produrre buoni esempi” e che invece “costituisce un blocco solidale e separato dal resto del Paese, articolato sul modello feudale, che non ha nessuna intenzione di rinunciare, neppure in piccola parte, ai privilegi conquistati”. agi



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -